user_mobilelogo

rocciconsulenze.it - News

L'art. 11 del D.L. n. 87/2018 (c.d. Decreto Dignità, convertito nella L. 09/08/2018, n. 96, pubblicata sulla GU Ufficiale 11/08/2018, n. 186) mette mano alle scadenze relative alla trasmissione telematica delle fatture emesse e ricevute, cioè allo spesometro.

Sono state confermate le scadenze relative allo spesometro semestrale:

  • 30/09/2018 per il primo semestre 2018;
  • 280/20/2019 per il secondo semestre 2018.

Tale intervento opera sul dato normativo precedente, pertanto la comunicazione semestrale appare ancora una facoltà.

Il calendario delle scadenze risulta leggermente modificato. La prima scadenza dell’anno è stata quella del 31/05/2018, termine entro cui bisognava inviare lo spesometro del primo trimestre 2018. Tale scadenza ha natura facoltativa perché a maggio i contribuenti hanno potuto esercitare l’opzione per l’invio dello spesometro semestrale, esercitabile con comportamento concludente (cioè non inviando nulla e inviando successivamente lo spesometro semestrale). Per quanto riguarda il secondo trimestre o il primo semestre il termine resta invariato ed è fissato al 30/09/2018.

In merito alle istruzioni e ai dati obbligatori da trasmettere con lo spesometro, il DL 148/2017 ha semplificato le informazioni da inviare in modalità telematica.

Il Decreto si è limitato ad introdurre una proroga della scadenza del terzo trimestre rinviata dal 30/11/2018 al 28/02/2019. In merito alle scadenze dello spesometro semestrale, invece, non sono state introdotte novità.

ATTENZIONE: lo spesometro verrà abolito dal 01/01/2019 per effetto dell’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica, ma resterà in vita per le operazioni con l’estero (provvedimento delle Entrate del 30 aprile 2018).

In sintesi:

  • entro il prossimo 01/10/2018 (il 30/09/2018 cade in domenica) deve essere effettuata la trasmissione dei dati delle fatture emesse e ricevute nel primo semestre 2018;
  • il 28/02/2019scadrà il termine per la trasmissione dei dati delle fatture relative al secondo semestre 2018, anche scomposte in 2 trimestri.

Resta invariata la scadenza del 16/09/2018 (che cadendo di domenica slitta al 17/09/2019) per la trasmissione delle liquidazioni Iva (LIPE) del secondo trimestre 2018 (NON slitta alla fine del prossimo mese come lo spesometro).

Secondo l'art. 21-bis D.L. n. 78/2010 le scadenze per le liquidazioni e per lo spesometro dovrebbero coincidere, però nello scadenziario pubblicato dall'Agenzia delle Entrate risulta la scadenza del 17/09/2019, tenuto conto che per le liquidazioni l'invio è rimasto trimestrale.

 

Esonero per gli "agricoltori minimi" (volume affari < 7.000 Euro)

Agricoltori esonerati - Scatta l'esonero dalla trasmissione dello spesometro per le imprese agricole che nell'anno precedente hanno realizzato un volume d'affari non superiore a 7.000 euro, costituito per almeno 2/3 da cessioni di prodotti agricoli e che non abbiano rinunciato al regime di esonero o non abbiano optato per il regime normale. L'art. 11 D.L. n. 87/2018, così come risulta modificato con la legge di conversione, ne abolisce l'obbligo, abrogando l'art. 36, c. 8 D.L. n. 179/2012. La norma prevede espressamente l'abolizione con effetto dal 01/01/2018. Tale adempimento non dovrà essere osservato nemmeno per il primo semestre di quest'anno. L'esenzione, fino ad ora, era circoscritta alle sole zone montane e si applicava ai produttori agricoli che esercitavano l'attività in terreni ubicati, in misura superiore al 50%, in zone montane.

 

Bando Avvio Nuova Impresa - Domande entro il 30 novembre 2018
 

La farmacia è sempre più “azienda nel mercato” (leggi anche Farmacie: come approcciare le novità del decreto concorrenza): accanto e intorno alla figura professionale del farmacista si è costruita una vera e propria azienda. Rispetto al passato dobbiamo considerare più variabili nella gestione e nella valutazione del nostro operato.

Il mercato aperto ai capitali impone delle valutazioni che in passato venivano trascurate. Chi intende investire analizza ogni aspetto dell'azienda e misura la sua performance sotto diversi punti di vista per poter valutare l'investimento e per poterlo confrontare con gli altri offerti dal mercato.

Nel mercato la farmacia è un'azienda e, come tale, è soggetta a valutazioni e confronti. Come viene valutata una farmacia? “In base al fatturato” è la risposta più frequente. Il solo fatturato non basta, è solo una delle tanti grandezze da considerare: crediti, debiti, utili, indici di redditività, indice di rotazione, indici di liquidità, ecc.

Non bisogna guardare la farmacia solo come un'organizzazione che fattura e genera fatturato, ma come una organizzazione che genera margini, utili, come un'azienda che remunera i fattori impiegati: dobbiamo ottenere benefici economico-finanziari dal capitale investito nell'attività, il lavoro del farmacista deve essere remunerato, l'azienda deve generare utile.

Come valutiamo la performance di una farmacia? Uno strumento utile per valutare lo “stato di salute” di una farmacia è l'analisi per indici: in base al rapporto tra diverse grandezze misuriamo l'efficacia e l'efficienza della gestione. Partendo dal bilancio di esercizio costruiamo degli indici che funzioneranno come delle vere e proprie “spie” di un cruscotto, saranno degli utilissimi indicatori.

Senza addentrarci in analisi complicate introduciamo qualche semplice indice che ci aiuta a comprendere il tipo di approccio che dobbiamo avere nella gestione e nella valutazione dei risultati.

  1. ROE (return on equity): è il rapporto tra utile e patrimonio netto e ci permette di capire quanto viene remunerato (se viene remunerato) il capitale proprio. Il capitale proprio è remunerato con il reddito prodotto. Il ROE indica in che misura è “conveniente” investire nell’azienda o trovare investimenti alternativi.

  2. ROS (Return On Sales): è dato dal rapporto tra Reddito Operativo e Ricavi Netti e misura la redditività delle vendite. Vendere è importante, ma bisogna saper vendere bene: le vendite si traducono in reddito?

  3. Primo margine: è determinato dal rapporto (Ricavi netti di vendita - Costo del venduto) / Ricavi netti di vendita. Il costo del venduto è dato dalla somma delle rimanenze iniziali e degli acquisti al netto delle rimanenze finali. Generalmente, nel settore delle farmacie, tale rapporto dovrebbe essere maggiore o uguale al 30%. In caso di valori più bassi è opportuno analizzare il magazzino, il metodo di approvvigionamento e la politica promozionale e degli sconti alla clientela.

  4. Incidenza del costo del lavoro sui costi: è il rapporto tra il costo totale del fattore lavoro, nel quale confluisce il “costo del titolare” (che può essere effettivamente pagato o solo figurativo, ma che è fondamentale considerare nella nuova visione di azienda: non lavorate gratis!) e i costi totali. Tramite questa grandezza abbiamo una indicazione sulla struttura dei costi della farmacia

  5. Indice di rotazione: indica quante volte in un periodo (un anno) il nostro magazzino ruota. E' determinato mediante la seguente formula: costo del venduto / costo scorta media. Il funzionamento del magazzino ha implicazioni sull'intera performance della farmacia:

    • valori elevati dell'indice di rotazione corrispondono a elevati livelli di redditività;

    • per tenere sotto controllo la solidità finanziaria (soprattutto nel breve termine) è opportuno confrontare la giacenza media (in giorni) con i tempi di pagamento (budget di cassa). Bisogna cioè considerare il ciclo del circolante, ossia il tempo che intercorre tra l'uscita monetaria legata all'acquisto dei fattori produttivi/prodotti e l'entrata monetaria derivante dalla vendita dei prodotti.

  1. Indice di liquidità primaria: è un rapporto tra liquidità immediate e differite e passività correnti. Indice di liquidità primaria = (Liquidità immediate + Liquidità differite) / Passività correnti. Esso esprime la capacità della farmacia nel coprire le uscite a breve termine generate dalle passività correnti con le entrate generate dalle poste maggiormente liquide delle attività correnti.

  2. Margine di tesoreria: è dato dalla differenza tra liquidità immediate e differite e passività correnti. Margine di tesoreria = Liquidità immediate + Liquidità differite – Passività correnti. Il margine di tesoreria indica di quanto le liquidità immediate e differite sono superiori rispetto alle passività correnti e segnala la capacità dell’impresa di far fronte alla uscite future connesse con l’esigenza di estinguere le passività a breve, con i mezzi liquidi a disposizione e con il realizzo delle attività a breve.

     

Tramite l'analisi di questi indici (e di tanti altri) è possibile valutare la performance della farmacia e individuare punti di forza, punti di debolezza e aree di intervento.

 

 

 

Fabio Rocci

Dottore Commercialista e Revisore Legale

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Website: www.rocciconsulenze.it

Tel. 3930884585

 

Cosa fare per adeguarsi alle nuove disposizioni in materia di privacy? 

Domani, 25 maggio 2018, entra in vigore il nuovo Regolamento in materia di privacy, che prevede una maggiore tutela dei dati sensibili degli utenti.

 Non è stato ancora emanato il decreto legislativo attuativo, perciò siamo costretti a ricorrere al “fai da te”, seguendo le indicazioni delle disposizioni europee. 

Cosa cambia? Ecco alcuni appunti

 

Quasi sono i soggetti interessati dalla riforma? Devono adeguarsi alla nuova normativa (Regolamento UE 2016/679) tutti i soggetti che per l’esercizio della loro attività utilizzano i dati personali dei propri clienti, dei dipendenti e di altri soggetti interessati sia in Italia che in un qualsiasi paese dell’Unione Europea. Le nuove disposizioni, pertanto, interessano aziende, professionisti, ditte individuali e titolari di e-commerce che trattano i dati

Cosa bisogna fare? In estrema sintesi i soggetti interessati devono:

  1. predisporre una informativa “aggiornata” da inviareal cliente per raccogliere il consenso al trattamento dei dati personali;
  2. predisporre, anche se non obbligatorio, il Registro del Trattamentosu cui vanno descritte le finalità del trattamento, i soggetti coinvolti, le misure adottate per garantire il corretto adeguamento alla normativa e in cui si identifica la figura del titolare del trattamento e, se dovuta, quella del Responsabile della protezione dei dati (fac-simile Registro Attività di Trattamento, 30, c.1, GDPR);
  3. se richiesto nominare il Responsabile della Protezione dei Dati(DPO).

Consenso al trattamento dei dati: come redigerlo? Il documento con cui richiedere il consenso al trattamento dei dati deve essere redatto con linguaggio semplice, chiaro e non artificioso ed è preferibile la modalità elettronica. L’informativa deve specificare e identificare:

  • il titolare del trattamento, cioè soggetto autorizzato all’utilizzo dei propri dati personali;
  • il responsabile del trattamento, soltanto nei casi previsti;
  • le finalità del trattamento, cioè il motivo per cui si richiede il consenso e si utilizzano i dati;
  • il periodo per cui il consenso è prestato (limitato al tempo necessario per il raggiungimento delle finalità per cui i dati sono stati forniti) e modalità di conservazione;
  • i diritti dell’interessato: accesso ai dati personali, cancellazione e trasferimento dei dati a soggetti terzi, modalità con cui esercitare tali diritti.

L’importanza del Registro dei Trattamenti. Il registro dei trattamenti risulta fondamentale per dimostrare e certificare l’adeguamento alla normativa Privacy. Il Garante della Privacy, nella sua “Guida all’applicazione del Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali” evidenzia che “il registro dei trattamenti non costituisce un adempimento formale, bensì parte integrante di un sistema di corretta gestione dei dati personali”. Vi è, pertanto, un invito generalizzato a dotarsi di tale Registro.

Devono obbligatoriamente dotarsi del registro delle attività di trattamento le organizzazioni con più di 250 dipendenti, a meno che il trattamento non includa un rischio per i diritti e le libertà delle persone interessate, non occasionale o se si riferisce in particolare a dati sensibili o a dati relativi a condanne e reati.

Facsimile del Registro dei Trattamenti Art. 30_GDPR - download

 

Chi deve nominare il DPO (Responsabile della Protezione dei Dati)? Il DPO è colui che deve garantire la corretta applicazione della normativa in materia di trattamento dati. Tale figura è obbligatoria solo in alcuni casi specifici:

  • quando i dati vengono utilizzati da un’autorità o da un organismo pubblico;
  • quando l’utilizzo dei dati richiede l’applicazione e il monitoraggio su larga scala;
  • quando i dati raccolti riguardano particolari categorie e sono di tipo sanitario, politico o religioso, oppure relativi a condanne penali e reati.

Il Responsabile della Protezione dei Dati può non essere previsto (non obbligatorio) per “trattamenti effettuati da liberi professionisti operanti in forma individuale; agenti, rappresentanti e mediatori operanti non su larga scala; imprese individuali o familiari; piccole e medie imprese, con riferimento ai trattamenti dei dati personali connessi alla gestione corrente dei rapporti con fornitori e dipendenti“.

Il responsabile può essere solo “esterno” alla struttura del titolare, perciò non è possibile nominare un collega, un dipendente o un collaboratore.

Quali sanzioni sono previste? In caso di mancato rispetto della nuova normativa sulla privacy, il titolare e il responsabile del trattamento possono essere soggetti a sanzioni amministrative importanti: nei casi meno gravi sono previsti richiami o ammonizioni, ma possono essere comminate sanzioni pecuniarie fino a 20 milioni di euro o pari al 4% del fatturato.

L’autorità Garante per la protezione dei Dati personali, può, in particolare:

  • rivolgere avvertimenti o ammonimenti;
  • limitare temporaneamente o permanentemente un trattamento;
  • sospendere i flussi di dati;
  • ordinare di soddisfare richieste per l’esercizio dei diritti delle persone;
  • ordinare la rettifica, limitazione o cancellazione dei dati.

Scadenze e termini. Il Garante della Privacy dovrebbe allinearsi alla posizione già intrapresa dal suo omologo francese e consentire una specie di “periodo di rodaggio” di sei mesi, durante il quale i soggetti ritardatari possono evitare sanzioni. Imprese e professionisti, però, devono dimostrare di avere avviato un piano di adeguamento ed essere consapevole delle priorità per rientrare nel perimetro del regolamento. Probabilmente ci sarà un periodo di tolleranza di sei mesi, anche se non specificato o indicato ufficialmente.  

 

 

CASI PRATICI

Singolo professionista: geometra, avvocato, commercialista, consulente, ecc.

Cosa fare per adeguarsi?

  1. inviare al cliente l’informativa per raccogliere il consenso al trattamento dei dati personali (Informativa ai sensi dell’art. 13, GDPR);
  2. anche non è obbligatorio, è consigliabile predisporre il Registro del Trattamento (Fac-simile del Registro Attività di Trattamento, art.30, c.1, GDPR);
  3. nominare il Responsabile della Protezione dei Dati (DPO) quando obbligatorio.

 

Adempimenti per un sito web o per siti di e-commerce

Tali siti utilizzano i dati degli utenti per la vendita di beni o per la conduzione di campagne marketing, perciò sono tenuti a rafforzare le misure di tutela dei dati dei propri utenti.

E-commerce e siti web dovranno:

  • aggiornare la Privacy policy della piattaforma indicando i dati raccolti, le modalità di utilizzo e i tempi di conservazione;
  • identificare il titolare del sito web;
  • nel caso di utilizzo di cookies per tracciare “le preferenze” dell’utente, sarà necessario indicarlo chiaramente nelle Policy e ottenere preventivamente il consenso all’utilizzo attraverso banner.
    Tale adempimento non è previsto invece per i cookies tecnici, ossia volti alla raccolta di dati quantitativi o alla memorizzazione della lingua di navigazione.

 

 

Il decreto concorrenza (L. 124/2017 ) ha profondamente modificato aspetti importanti nel settore delle farmacie:

  1. titolarità: possono essere titolari di farmacia anche le società di capitali (Srl, Spa e Sapa). Il titolo di farmacista resta obbligatorio per il direttore, mentre i soci delle società di gestione delle farmacie potranno essere anche non farmacisti.
  2. sostituzione del limite delle 4 farmacie gestibili da un unico soggetto con il limite del 20% per regione.
  3. nessuna limitazione al trasferimento delle quote sociali, in precedenza legate a titolo di farmacista anche nella persona dell’avente causa. In caso di morte le quote sociali saranno trasferibili anche a eredi non farmacisti. 
  4. incompatibilità del socio: questi non potrà essere, tra le altre, direttore della farmacia di cui non è socio o titolare di farmacia individuale.

 

Per approfondire:

Farmacie: il Notariato analizza la legge sulla concorrenza

Farmacie e Decreto Concorrenza: nuove opportunità e spunti di riflessione

La farmacia: scenario attuale e riflessioni sul futuro

 

Cosa cambierà per le farmacie?

Tali cambiamenti, insieme al mutato contesto economico, culturale e sociale, renderanno la farmacia sempre più una “azienda vera e propria” (un mix tra libera professione e impresa), in competizione n un mercato “più libero”. Proprio questo nuovo tipo di rapporto con il mercato e con la concorrenza imporrà importanti cambiamenti nella gestione: nuovi metodi, nuove valutazioni e nuovi strumenti.

Le farmacie si dovranno misurare con un approccio piuttosto nuovo per il settore che presuppone, pianificazione, controllo e valutazione aziendale.

In proposito è opportuno riportare una considerazione del Notariato (studio 75/2018/I del 16/05/2018):

Appare ormai pacifico il rilievo per cui i l farmacista è nel contempo imprenditore e professionista, e le due qualità non possono scindersi. L’attività del farmacista si configura, infatti, come attività non solo professionale, ma anche «imprenditoriale» poiché prevede operazioni economiche - come le «vendite» - e, quindi, deve essere qualificata come «di impresa» sussistendo i requisiti indicati negli articoli 2082 e 2238 del codice civile. Può, dunque, affermarsi che la gestione della farmacia mediante una società è sintesi di attività intellettuale e di attività commerciale, unificate dal pubblico interesse, ed è un atipico caso di esercizio della professione intesa come elemento di una attività organizzata in forma di impresa.”

La riforma sopra citata consente ragionamenti anche sull'assetto e l'organizzazione della gestione. Possiamo anche porre in essere operazioni straordinarie, come trasformazioni o conferimenti, per modificare il soggetto gestore ed avere vantaggi di diversa natura (fiscale, organizzativa, ecc.): conferimento della ditta individuale in società di persone o di capitali con valorizzazione dell'avviamento (vedi articolo); conferimento dell’azienda con perizia dalla società di persone (che diventa holding) alla società di capitali; trasformazione da società di persone a società di capitali; ecc.

Tutti questi cambiamenti avranno inoltre ripercussioni sull'aspetto contributivo che andranno valutati attentamente.

Di fronte a una rivoluzione di tale portata dobbiamo essere pronti ad adattarci e a sfruttare nel migliore dei modi le opportunità che la riforma offre.

 

 

Fabio Rocci

Dottore Commercialista e Revisore Legale

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Website: www.rocciconsulenze.it

Tel. 3930884585

 

 

Il mio profilo Facebook

Il mio profilo Twitter

Il mio profilo LinkedIn

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie consulta l'informativa.
Cliccando su "Ok, accetto" o continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità all'informativa.