user_mobilelogo

rocciconsulenze.it - News

In data 24/03/2016 il direttore dell’agenzia delle Entrate ha firmato il provvedimento che spiega come fare per evitare di pagare il canone nella bolletta elettrica quando non si possiede un apparecchio televisivo o qualsiasi altro apparecchio comunque adatto a ricevere le trasmissioni.

Nello specifico si tratta di autocertificazioni da presentare all’agenzia delle Entrate entro il 10 maggio 2016:

  • direttamente dal contribuente (o dall’erede) attraverso una specifica applicazione web disponibile sul sito internet dell'Agenzia delle entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dall'Agenzia delle entrate;
  • oppure tramite gli intermediari abilitati, appositamente delegati dal contribuente.

L’autocertificazione, che avrà effetto per tutto il 2016, consiste in una dichiarazione sostitutiva in cui si evidenzia di "non detenzione di un apparecchio televisivo da parte di alcun componente della famiglia anagrafica in alcuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza di fornitura di energia elettrica".

Il modello e le relative istruzioni sono disponibili ai seguenti link:

MODELLO

ISTRUZIONI

o anche sui siti: www.agenziaentrate.gov.it, www.finanze.gov.it  e www.canone.RAI.it

Se non è possibile procedere alla trasmissione telematica, l’autocertificazione potrà essere inviata entro il 30 aprile 2016, allegando una copia di un valido documento di riconoscimento, a mezzo del servizio postale in plico raccomandato senza busta al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV - Casella Postale 22 - 10121 Torino. La dichiarazione si considera presentata nella data di spedizione
risultante dal timbro postale.

Sul sito dell'Agenzia delle Entrate sono disponibili bozze della Certificazione unica 2016 (modello ordinario, modello sintetico e istruzioni) e del modello 730/2016:

 

LINK AL SITO AdE

Il maxi ammortamento del 140% introdotto dal disegno di legge di stabilità 2016 per le autovetture produce effetti differenziati a seconda dell’utilizzo dell’auto.

Per i veicoli impiegati come beni strumentali la deducibilità è integrale e il benefico concesso è pari al 40% del costo effettivo.

Per le auto concesse in benefit ai dipendenti, invece, la deduzione è limitata al 70% del valore e, pertanto, il bonus netto è pari al 28% del costo effettivo.

Più complessi i calcoli per le auto non assegnate, per le quali è fissato un limite di costo pari a 18.076 euro (elevato a 25.823 per gli agenti) mentre la deducibilità resta ferma al 20%, riducendo il beneficio effettivo a poche centinaia di euro.

L’Agenzia delle Entrate, con Comunicato stampa del 26 ottobre 2015, rende noto che il contribuente che si accorge di aver commesso un errore formale versando le imposte con il Mod. F24, può modificarlo direttamente online, inviando una richiesta tramite il canale Civis.
Gli errori formali, cioè quelli che non incidono sul pagamento del debito tributario complessivo, ossia errori sui codici tributo, sui periodi di riferimento e sulla ripartizione tra più tributi dell’importo a debito ovvero a credito indicato sul Mod. F24 con un unico codice tributo) possono ora essere sanati alternativamente:
- mediante l’invio della “lettera-ravvedimento” alla sede territoriale dell’Agenzia delle Entrate;
- online, inviando una richiesta telematica tramite Civis F24.

Il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ha reso note nel proprio sito Internet le modalità di presentazione delle domande e relativa tempistica per usufruire del credito d’imposta a favore degli esercizi ricettivi nonché delle agenzie di viaggio e tour operator per le spese di “digitalizzazione turistica”.

Il “click-day” per l’invio delle domande relative alle spese del 2014 è fissato alle ore 10.00 del 13.7.2015 (è necessaria la registrazione all’apposito portale del Ministero).

Il 25.9.2015 sarà pubblicato (sempre sullo stesso sito Internet del Ministero) l’elenco delle domande ammesse nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione.

 

Riferimenti:

 

Il mio profilo Facebook

Il mio profilo Twitter

Il mio profilo LinkedIn

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie consulta l'informativa.
Cliccando su "Ok, accetto" o continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità all'informativa.