user_mobilelogo

L'art. 11 del D.L. n. 87/2018 (c.d. Decreto Dignità, convertito nella L. 09/08/2018, n. 96, pubblicata sulla GU Ufficiale 11/08/2018, n. 186) mette mano alle scadenze relative alla trasmissione telematica delle fatture emesse e ricevute, cioè allo spesometro.

Sono state confermate le scadenze relative allo spesometro semestrale:

  • 30/09/2018 per il primo semestre 2018;
  • 280/20/2019 per il secondo semestre 2018.

Tale intervento opera sul dato normativo precedente, pertanto la comunicazione semestrale appare ancora una facoltà.

Il calendario delle scadenze risulta leggermente modificato. La prima scadenza dell’anno è stata quella del 31/05/2018, termine entro cui bisognava inviare lo spesometro del primo trimestre 2018. Tale scadenza ha natura facoltativa perché a maggio i contribuenti hanno potuto esercitare l’opzione per l’invio dello spesometro semestrale, esercitabile con comportamento concludente (cioè non inviando nulla e inviando successivamente lo spesometro semestrale). Per quanto riguarda il secondo trimestre o il primo semestre il termine resta invariato ed è fissato al 30/09/2018.

In merito alle istruzioni e ai dati obbligatori da trasmettere con lo spesometro, il DL 148/2017 ha semplificato le informazioni da inviare in modalità telematica.

Il Decreto si è limitato ad introdurre una proroga della scadenza del terzo trimestre rinviata dal 30/11/2018 al 28/02/2019. In merito alle scadenze dello spesometro semestrale, invece, non sono state introdotte novità.

ATTENZIONE: lo spesometro verrà abolito dal 01/01/2019 per effetto dell’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica, ma resterà in vita per le operazioni con l’estero (provvedimento delle Entrate del 30 aprile 2018).

In sintesi:

  • entro il prossimo 01/10/2018 (il 30/09/2018 cade in domenica) deve essere effettuata la trasmissione dei dati delle fatture emesse e ricevute nel primo semestre 2018;
  • il 28/02/2019scadrà il termine per la trasmissione dei dati delle fatture relative al secondo semestre 2018, anche scomposte in 2 trimestri.

Resta invariata la scadenza del 16/09/2018 (che cadendo di domenica slitta al 17/09/2019) per la trasmissione delle liquidazioni Iva (LIPE) del secondo trimestre 2018 (NON slitta alla fine del prossimo mese come lo spesometro).

Secondo l'art. 21-bis D.L. n. 78/2010 le scadenze per le liquidazioni e per lo spesometro dovrebbero coincidere, però nello scadenziario pubblicato dall'Agenzia delle Entrate risulta la scadenza del 17/09/2019, tenuto conto che per le liquidazioni l'invio è rimasto trimestrale.

 

Esonero per gli "agricoltori minimi" (volume affari < 7.000 Euro)

Agricoltori esonerati - Scatta l'esonero dalla trasmissione dello spesometro per le imprese agricole che nell'anno precedente hanno realizzato un volume d'affari non superiore a 7.000 euro, costituito per almeno 2/3 da cessioni di prodotti agricoli e che non abbiano rinunciato al regime di esonero o non abbiano optato per il regime normale. L'art. 11 D.L. n. 87/2018, così come risulta modificato con la legge di conversione, ne abolisce l'obbligo, abrogando l'art. 36, c. 8 D.L. n. 179/2012. La norma prevede espressamente l'abolizione con effetto dal 01/01/2018. Tale adempimento non dovrà essere osservato nemmeno per il primo semestre di quest'anno. L'esenzione, fino ad ora, era circoscritta alle sole zone montane e si applicava ai produttori agricoli che esercitavano l'attività in terreni ubicati, in misura superiore al 50%, in zone montane.

 

Il mio profilo Facebook

Il mio profilo Twitter

Il mio profilo LinkedIn

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ai cookie consulta l'informativa.
Cliccando su "Ok, accetto" o continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità all'informativa.